looking for alibrandi essay about change hamlet madness critical essay essay questions on the count of monte cristo essays on the craft of dramatic writing short simple essay my family my favorite book essay harry potter

ROMA-GENOA 1-0

Foto Roberto Tedeschi

26 Giornata – Serie A

di Daniele Bellanti

La Roma batte il Genoa e sale momentaneamente al quarto posto della classifica, scavalcando l’Atalanta, in attesa che la Dea giochi la sua partita a San Siro contro l’Inter nel Monday night.

Decide la partita un grande colpo di testa di Mancini su azione di calcio d’angolo, a metà del primo tempo.

LA CRONACA DELLA GARA

Nella Roma la novità è El Shaarawy, per la prima volta titolare dal suo ritorno in giallorosso, affiancato da Pedro, di ritorno dal 1′, alle spalle di Mayoral.

Senza Veretout infortunato, è Pellegrini che arretra a centrocampo, insieme al ritrovato Diawara: a sinistra Bruno Peres è preferito a Spinazzola, mentre dietro torna titolare Smalling.

In avvio la partita non è ricca di emozioni, tanto che sarà il primo tiro nello specchio a apre il match: Pellegrini crossa e Mancini vola altissimo per il colpo di testa che vale l’1-0.

Sbloccato il fortino Ballardini, Pedro ha subito una chance per il bis dal limite, ma Marchetti para.

Dietro il Genoa si difende bene ma fa lo stesso anche la Roma sulle avanzate dei Grifoni (Destro su tutti) e si va all’intervallo sull’1-0.

Nella ripresa subito due cambi: Shomurodov e Cassata per Pjaca e Ghiglione, con il secondo che ha subito una chance, ma il suo tiro viene parato con sicurezza da Pau Lopez e comunque l’azione risulterà poi viziata da fuorigioco. 

Poi è ancora Mancini a rendersi insidioso in area, ma viene chiuso proprio poco prima del tiro.

Quindi dentro Villar e Mkhitaryan ed è proprio lo Spagnolo, Al 68′, ad andare vicino al raddoppio (con annesse proteste Genoane per un presunto fallo che ha dato il via all’azione) ma il suo tiro colpisce il palo.

Palo che viene colpito anche da Pedro nel finale: il suo colpo di tacco propizia la rete di Mayoral, ma l’ex Barça e Chelsea risulta in (millimetrico) fuorigioco e dunque la rete viene annullata.

Finale col brivido per la Roma, con un paio di conclusioni di Scamacca, la prima, all’80’, larga di un soffio e la seconda, poco dopo, alta sulla traversa: la Roma si salva, difende bene il vantaggio e vince.

IL TABELLINO

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Smalling, Cristante; Karsdorp, Lo. Pellegrini, Diawara (60′ Villar), Bruno Peres (87′ Spinazzola); Pedro (75′ Carles Perez), El Shaarawy (60′ Mkhitaryan); B. Mayoral (87′ Fazio).

All. Fonseca

GENOA (3-5-2): Marchetti; Masiello, Radovanovic, Criscito; Ghiglione (46′ Cassata), Zajc (78′ Melegoni), Badelj, Strootman (76′ Scamacca), Zappacosta; Pjaca (46′ Shomurodov), Destro.

All. Ballardini

Gol:24′ Mancini

Ammoniti: Masiello (G), Destro (G), Strootman (G), Mancini (R), Criscito (G)