the tell tale heart essay questions essay writing tutor vancouver english essay role of media in pakistan empowerment nursing essay convention in essays

ROMA-MILAN 1-2

foto Roberto Tedeschi

24 Giornata – Serie A

di Daniele Bellanti

All’Olimpico, Roma e Milan danno vita a una gara intensa e ricca di emozioni. 

Dopo tre gol annullati, la gara si sblocca con un rigore segnato da Kessié per classico fallo “da VAR” di Fazio su Calabria.

Nella ripresa, la squadra di Fonseca trova il pari con un bel destro a giro di Veretout, ma il Milan non demorde e si riporta in vantaggio con una giocata di classe di Rebic, la cui azione, è da dirlo, è stata però propiziata da un rinvio sbagliato di Pau Lopez. E’ la rete che decide la gara: i Rossoneri volano a -4 dall’Inter, staccando la Roma di 8 lunghezze.

LA CRONACA DELLA GARA

Partenza lanciata per i Rossoneri, che soprattutto da sinistra creano notevoli problemi alla Roma: Ibra prova tre volte la conclusione in pochi minuti, Tomori segna ma il gol viene giustamente annullato per fuorigioco. Segna anche Ibra, ma un nuovo, giusto, fuorigioco gli nega la gioia del gol.

La Roma prova a scuotersi e ad uscire dall’empasse di inizio gara: Mkhitaryan segna ma l’azione viene fermata per un precedente fallo di Mancini.

Rebic impegna Pau Lopez, Kjaer colpisce la traversa e Pellegrini si vede respingere la conclusione a botta sicura da Tomori prima e da Tonali poi.

La gara è intensa e Calabria subisce un pestone da Fazio appena all’interno dell’area di rigore, si va all’on field review e Guida accorda il rigore che Kessié trasforma.

Nella ripresa la Roma alza il pressing nel tentativo di riequilibrare le sorti del confronto e dopo una palla gol concessa al Milan, acciuffa il meritato pareggio con Veretout che piazza uno splendido destro a giro, imparabile per Donnarumma.

Il Milan non si scompone ed accelera sempre da sinistra: Pau Lopez disimpegna in maniera errata, Saelemaekers recupera e verticalizza per Rebic, che con una piroetta si libera di Mancini e conclude con un sinistro incrociato potente e preciso, che fulmina Pau Lopez per il 2-1.

Fonseca si gioca tutte le carte offensive: entrano El Shaarawy, Bruno Peres e Pedro, che però non riescono a incidere più di tanto.

Il Milan difende benissimo e sfruttando con veloci ripartenze gli spazi lasciati dalla Roma, sfiora il gol con Leao prima di perdere Rebic, circostanza che porta Pioli a dare più sostanza al centrocampo, buttando nella mischia Krunic Meité

La Roma prova a buttare il cuore oltre l’ostacolo, Mkhitaryan è sempre pericoloso ma impreciso: finisce 21, il Milan vince e resta agganciato all’Inter, mentre la Roma scivola al quinto posto.

IL TABELLINO


ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Cristante, Fazio (61′ Bruno Peres); Karsdorp, Villar (70′ El Shaarawy), Veretout (78′ Diawara), Spinazzola; Lo. Pellegrini, Mkhitaryan; B. Mayoral (78′ Pedro).

Allenatore: Fonseca

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Tomori, T. Hernandez; Tonali (83′ Meité), Kessiè; Saelemaekers (83′ Castillejo), Calhanoglu (46′ Brahim Diaz), Rebic (66′ Krunic); Ibrahimovic (56′ Leao).

Allenatore: Pioli

Gol: 43′ Kessié, 50′ Veretout, 58′ Rebic

Ammoniti: Fazio, Saelemaekers, Mkhitaryan, Calabria, Pellegrini, Castillejo