problems college students face essay anthony vidler the architectural uncanny essays in the modern unhomely sample regents essays us history consumer consumption essay introspective research study

GIACOMO LOSI

di Francesco Goccia

Giacomo Losi, nato a Soncino (Cr) il 10 settembre 1935. Cresce con il mito di Fausto Coppi e per lui la bicicletta è un traguardo da raggiungere, da conquistare. Inizia a giocare come tutti i bambini della sua età, su strada con le porte che erano semplici borse e il pallone che spesso è inventato e creato, magari fatto di stoffa. Con altri ragazzi forma la squadra che poi avrebbe affrontato gli altri delle zone vicine, a Soncino in quel periodo è in voga l’Inter e quindi il colore delle maglie scelto è il nero è azzurro. Anche il nome della squadra viene votato ed è scelto quello di Virtus. Per risparmiare, i pantaloncini li realizza proprio Giacomo che compra un po’ di stoffa e lui, cresciuto con una zia filantiera, li cuce e li consegna ai compagni.Le sue prestazioni, anche se su campi improbabili, non passano inosservate e il presidente della Soncinese decide di farlo giocare con la sua squadra. C’è un problema però, Giacomo ha solo 14 anni e non può essere tesserato per via dell’età. Si supera il problema con un escamotage. Giacomo gioca sotto un nome che non è il suo, tale Bugli. La prestazione di Giacomo è talmente importante che “La Provincia” una testata giornalistica importante, elogia questo Bugli che, ritrovandosi in un attimo coperto da complimenti, non capisce quello che sta succedendo, perché lui sa benissimo di non aver giocato, ma tanto è si prende qualche complimento e va avanti. Questo grazie a Giacomo che inizia così la sua scalata.Quando l’età glielo permette firma il primo tesseramento, proprio con la Soncinese e gioca due ottime stagioni. Viene poi cercato da due squadre di serie D la Cremonese e il Pozzuolo e Giacomo opta per la prima ipotesi. In quel tempo non esistevano le riserve, si giocava e si andava a referto in 11. Succede che il giorno della partita “Mino” così era chiamato si trova sugli spalti per tifare i compagni più grandi e ad un certo punto si sente chiamare dagli altoparlanti dello stadio “Giacomo Losi subito negli spogliatoi”. Corre così diretto come un fulmine negli spogliatoti e mister Bodini gli dice di vestirsi perché un giocatore si è sentito male e non può giocare. Fa così il suo esordio, il giovanissimo Mino che da una parte è impaurito per l’esordio immediato in una partita tra l’altro contro il Brescia, una formazione di serie A ma dall’altra è talmente carico che come avviene sempre, gioca una partita al limite della perfezione e la gente inizia a conoscere non il giovane Mino ma il grande Losi.Dopo la Cremonese, arriva la chiamata di una grandissima squadra, che cambierà la vita di Giacomo Losi. Lui è all’oscuro di tutto perché quando il dirigente della Cremonese gli comunica di essere stato ceduto ad una squadra di serie A lui non ha neanche la forza di chiedere il nome. Mentre viene accompagnato in stazione riflette e nella sua testa le squadre probabili sono due, l’Inter e il Bologna perché con loro ha già avuto contatti e giocato tornei. Arrivato in stazione gli dicono che il treno che deve prendere è per Bologna e allora facendo uno più uno, pensa eccola la squadra è il Bologna. All arrivo però trova la sorpresa. Giacomo adesso prendiamo il treno per Roma…. chiese – per Roma ? Ma come? – e il dirigente gli disse – ma come non lo sai? Ti abbiamo ceduto alla Roma!!!Rimase impietrito il giovane Giacomo, lui era un semplice ragazzo di Soncino, piccolissimo paese e stava per trasferirsi addirittura nella Capitale, nella città eterna…Il resto lo conoscete tutti, nasce così “Core de Roma” uno dei giocatori più amati della nostra storia. Il Capitano che ha alzato la prima e per ora, purtroppo, unica coppa Europea della Roma.

Tantissimi auguri Giacomo, Roma ti ama!!!