essay on abdul qadeer khan mccarthyism essay topics disruptive behaviour in the classroom essay btec health and social care essays free hindi essays in hindi language

MICHELE NAPPI

di Roberto Cerrone

Michele Nappi, nato il 30 agosto 1951 a San Gennaio Vesuviano in provincia di Napoli, provincia fertile di giocatori per la nostra Roma, ben 10 di cui 2 campioni d’Italia, il nostro Michele e Vincenzo Montella.
Inizialmente la carriera di Nappi si svolge tutta in squadre della sua regione, prima di approdare in quella che diventerà la sua casa, Perugia nel 1974.
Michele è un terzino veloce e dai piedi sufficienti per fare il lavoro che gli si richiede, recuperi e cross dalla fascia. Con il Perugia conosce la serie A, il primo e unico gol in carriera contro il Verona, tra l’altro in serie A. Gioca accanto a Paolo Rossi, fa parte del Perugia dei miracolo, quello del secondo posto, che finisce imbattuto il campionato.
La Roma lo preleva quando Michele sta in serie B dove è sceso insieme al suo Perugia nel 1981, coinvolto suo malgrado, nel calcio scommesse, di cui lui, non è neanche marginalmente coinvolto, questo per fare chiarezza.
Michele porta con sé un paio di baffi che ci ricordano un suo predecessore, anche lui di passaggio a Perugia, Mauro Amenta.
Piace a Liedholm che lo porta nella capitale nell’estate 1982, all’età di 31 anni, il Presidente è Dino Viola, il capitano è Ago e poi ci sono già tanti campioni come Falcao, Conti o il russo di Como, Pietro Vierchowod. Per il ruolo di terzino, ci sono Nela e Maldera ma, nonostante questa concorrenza, Michele Nappi gioca 16 gare in serie A di quel campionato meraviglioso che fu il 1982-83 e si poté fregiare del titolo di campione d’Italia, a pieno merito. Con la Roma fa il suo esordio, già nella prima giornata, quella vittoriosa a Cagliari per 3-1.
Questo titolo, forse è un po’ titolo inatteso, perché arrivato a fine o quasi carriera, ma le sorprese con la Roma non finiscono qui. L’anno dopo, si gioca la Coppa dei Campioni e anche in questa occasione il nostro Michele si prende la sua parte da protagonista. Gioca 2 gare ed è presente la sera del 30 maggio 1984 nella finale con il Liverpool a causa della squalifica di Aldo Maldera che ci tolse un rigorista importante e sappiamo come è finita. Per Michele è un punto altissimo, a 33 anni, della carriera che ancor più si nobilita nella vittoria della Coppa Italia 1984, giocando entrambe le finali con il Verona.
La seconda finale con il Verona è stata la sua ultima gara da Romanista. Alla fine della stagione, torna a Perugia per chiudere la carriera nella sua città adottiva, in serie B.
Nelle due stagioni Romaniste, Michele Nappi gioca 27 gare in serie A, 2 in coppa dei Campioni, 3 in coppa Uefa e 14 in coppa Italia per un totale di 46 gare ufficiali, vince uno scudetto e una coppa Italia, niente male.
Michele spesso torna a Roma a trovare i colori Giallorossi in occasioni di manifestazioni celebrative e noi lo accogliamo sempre con piacere. Non manca mai di raccontare l’episodio del rientro a Roma della squadra appena diventata campione d’Italia a Genova. Era l’8 maggio, l’aereo della squadra deve atterrare a Fiumicino ma non è possibile perché un oceano di persone è lì, pronto ad accogliere i Campioni d’Italia. 
Atterra dunque a Ciampino, anche se la sorpresa funziona poco, perché anche lì, ci sono migliaia e migliaia di tifosi ma l’aereo atterra ugualmente, fa scendere tutti e riparte per Fiumicino. È vuoto, o almeno dovrebbe essere così, invece c’è un passeggero speciale a bordo, Michele Nappi (che anche a Genova era tra gli 11 in campo). La sua macchina infatti è parcheggiata a Fiumicino e chiede un favore al comandante, del resto nom si può negare un piccolo favore a un campione d’Italia. Viene dunque accompagnato a prendere la macchina in aereo, ed è l’unico Romanista ad aver viaggiato tra Ciampino e Fiumicino.
Ora Nappi gestisce un’agenzia di viaggi nella sua città adottiva a Perugia.