cfa level 3 essay pen pencil the club essay questions anti capital punishment essays reality tv sat essay

GIACOMO NARIZZANO

di Fabrizio Grassetti

Giacomo Narizzano, nato a Genova il 30 agosto 1898. Mezzala di ruolo, ha iniziato la carriera sportiva nel Genoa, che per la stagione !921-1922 lo diede in prestito al Vado.
La squadra della cittadina ligure sita in provincia di Savona, nell’anno 1922 si aggiudicò la prima edizione della Coppa Italia alla quale parteciparono 37 società. L’ edizione della scorsa stagione di questa Torneo è stata la numero 72.
Narizzano, rientrato per fine prestito al Genoa, ha poi giocato con i rosso-blu negli anni dal 1925 al 1927.
Nel 1927, mentre prestava il servizio militare a Roma, sembra su indicazioni di Mister William Garbutt, che lo aveva allenato nel Genoa, venne tesserato dalla Roma.
Narizzano ed Il centravanti Mario Bussich, prelevato dalla Triestina (anche lui nato nel 1898), furono gli unici calciatori della rosa giallorossa a non provenire dalle squadre dell’Alba, della Fortitudo e del Roman, che il 7 giugno 1927 avevano fatto nascere l’Associazione Sportiva Roma.
La mezzala genovese, non più giovanissimo, fece il suo esordio nel campionato nazionale, all’ottava giornata il 27 novembre 1927 in Roma-Casale, con Il gol del definitivo pareggio per 1-1 messo a segno da Chini.
Trascriviamo la formazione che scese in campo quel giorno: Rapetti, Mattei, Corbyons, Ferraris IV, Degni, Carpi, Ziroli, NARIZZANO, Bussich, Chini, Canestrelli.
Per rendere un doveroso omaggio a tutti i pionieri giallorossi di quella prima stagione della storia della Roma, elenchiamo anche gli altri componenti della prima squadra, che conquistò la Coppa CONI : Ballante, Angelo Bianchi, Antonio Bianchi, Bossi, Cappa, De Micheli, Fasanelli, Maddaluno, Ricci, Rovida, Scardola, Scocco e Zamporlini.
L’ allenatore Garbutt, vincitore di tre campionati italiani con il Genoa, impiegò Narizzano in prima squadra in altre tre partite di campionato.
Roma-Novara del 15.1.1928, terminata 4-1.
Il ligure, che giocò da mezzala sinistra, al 5” del primo tempo mise a segno il primo gol romanista (le altre reti portarono le firme due volte di Chini ed una di Bussich).  
Roma-Bologna del 21.1.1928, finita 1-1. I romani, che scesero sul terreno di gioco con la stessa formazione di Roma-Novara, pareggiarono con i felsinei dei futuri campioni del mondo Schiavio e Monzeglio (alla Roma dal 1935 al 1939), grazie ad un gol di Chini.
Roma-Pro Patria del 19.2.1928, conclusa 0-1 per i bustocchi. Fu la prima ed unica sconfitta interna della Roma che nella partita d’andata aveva vinto a Busto Arsizio per 3-0, conquistando la prima vittoria esterna della sua storia. Al Motovelodromo Appio Narizzano fu schierato sempre a mezzala sinistra.
Giacomo Narizzano venne inoltre utilizzato in prima squadra nelle gare amichevoli contro il Trasimeno, la Pro Vercelli ed il Genoa e nella Coppa Rose a La Spezia con i giallorossi vincitori per 2-3, con secondo gol messo a segno dallo stesso Narizzano.
Al termine della stagione il calciatore venne inserito nella lista dei trasferimenti con Angelo Bianchi, Antonio Bianchi, Cappa, Bramante, Canestrelli, Fosso, Maddaluno, Scocco, Scardola , Sbrana, Zamporlini e Ziroli.
Le squadre nelle quali poi giocò furono le seguenti:
Rivarolese, Sestrese, Liguria, Pavia, Andrea Doria e Manlio Cavagnano.
Giacomo Narizzano, anche se presenta un curriculum romanista di solo 4 presenze ed 1 gol in partite ufficiali, merita comunque, così come tutti gli altri pionieri della Roma, di essere conosciuto e ricordato dagli appassionati tifosi della Lupa.