PIETRO BENEDETTI

di Roberto Cerrone

Pietro Benedetti nasce a Roma il 1luglio 1926. Romano de Roma, portiere, fa la trafila con la nostra Roma e trova lo spazio giusto, dopo che il mister Bernardini aveva provato prima Risorti e poi Albani. Ma è una Roma dai mille problemi ed ecco Fuffo affidarsi a Pietro. È un esordio felice quello di Benedetti, la Roma batte il Bologna per 3-1 è il 9 ottobre 1949. In quella squadra c’è anche Tommaso Maestrelli, futuro mister degli innominabili. Pietro gioca in tutto 7 gare, la Roma con lui ottiene 3 vittorie (Bologna, Torino e Sampdoria), 2 pareggi (Triestina e Lucchese) e 2 sconfitte (Palermo e Atalanta). Il problema non furono i punti ma i gol subiti in quantità da Pietro, la bellezza di 13. In porta tornarono Risorti e Albani, un destino simile a quello di Quintini, tornare tra le riserve solo che Quintini non prendeva mai gol, le stranezze del calcio. Auguri Pietro, poche partite da professionista ma puoi sedere al tavolo delle vecchie glorie di Roma e Lazio come in un recente passato ha fatto, pur non essendo più giovanissimo.