p s atiyah essays on contract essay on the need to promote tourism in india social work essays help essay on junk food a health hazard

Manuela Giugliano: Il tifoso romanista è splendido

di Francesco Goccia

Manuela Giugliano è stata intervistata ai microfoni di Roma tv e ha parlato di questo momento del tutto particolare che stiamo attraversando nel nostro paese.

Come stai vivendo questo periodo?

“Lo sto vivendo in tranquillità, perchè alla fine sono fortunata, sto in casa con la mia famiglia e siccome di solito, viviamo lontano, adesso sto cercando di godermi questa esperienza al 100%. La cosa più importante adesso, è rimanere a casa e rispettare le regole che ci vengono date”

Quanto ti manca il calcio?

“Diciamo che mi manca tantissimo, perché non sono mai stata così tanto, senza calcio, senza vedere un campo verde, senza calcarlo. Però penso che ad oggi, la cosa più importante sia la salute di ognuno di noi, il calcio viene dopo”

Come passi il tempo durante il giorno?

“La società ci ha dato un programma da seguire con doppi allenamenti, quindi diciamo che la giornata è abbastanza impegnativa. Per il resto, mi dedico a cucinare, soprattutto per la mia famiglia, perché altrimenti divento un pallone… Siamo seguite dalla società 24 ore su 24, sotto tutti gli aspetti, sia dal punto di vista societario, che da quello dello staff tecnico, dei preparatori, dello staff medico. Veniamo pesate, ci tengono d’occhio e non possiamo minimamente sbagliare” 

Hai detto che ti dedichi alla cucina, cosa fai di buono?

“In questi giorni, mi dedico abbastanza alla cucina, soprattutto con mia madre. Mi piace sperimentare nuove ricette, a volte facciamo anche la guerra, ci lanciamo un po’ di cose, però è meglio tralasciare questo argomento. Cerchiamo di inventarci qualcosa, non c’è una ricetta in particolare. Mamma a Pasqua ha fatto la pastiera ma sono stata brava, ho resistito e non l’ho mangiata”

Cosa prevedono gli allenamenti che vi sta proponendo lo staff?

“Gli allenamenti, prevedono una parte aerobica e poi la parte di forza, che fortunatamente riesco a fare con vari attrezzi che trovo per casa. Non avendo quelli sportivi della palestra, mi sto adattando. Ho preso una caraffa d’acqua da 4 kg insomma, mi invento un po’ di pesi e riesco a fare forza. Poi ovviamente, gli addominali e la parte di riscaldamento, quella è una cosa che faccio sempre”

C’è anche il pallone?

“Si, il pallone c’è sempre, perché la società ci ha mandato degli esercizi da fare sul muro. La palla è la parte più bella del calcio, però devo dire che serve anche la parte fisica, perché se non corri non vinci. In questi giorni, stiamo dedicando più tempo alla parte aerobica, perché è quella che riusciamo a fare un po’ meglio. Io poi, ho la fortuna di avere un tapis roulant a casa e utilizzo anche quello”

La società si sta muovendo molto in questo momento per aiutare chi ne ha bisogno.

“Ci tengo a dire che sono orgogliosa di far parte di questa società. In questo momento in cui il campionato è fermo, noi calciatrici, insieme ai calciatori, possiamo dare una grossa mano e aiutare la società, a spingere le varie campagne, le varie iniziative che vengono fatte. Noi siamo a completa disposizione”  

Come ti trovi a Roma?

“Mi sono trovata subito molto bene, anche con le mie compagne, con lo staff, ho trovato una bella famiglia. Di solito, quando arrivi in una realtà nuova, non è così immediato l’inserimento, invece noi non abbiamo avuto alcun problema, siamo un grande gruppo, unito. Sono felice, serena e contenta di far parte di questa società” 

Come sono i tifosi della Roma?

“Il tifoso della Roma è eccezionale. Il suo calore, lo senti dentro, ti prende. Personalmente, quando arrivo alle Tre Fontane, non vedo l’ora di guardare gli spalti. Quando entriamo in campo, con i loro cori, con quei colori, ci danno una carica immensa; li guardo e mi trasmettono una voglia pazzesca di dimostrare quello che valiamo. Poi dopo, la palla passa a noi e si capovolge tutto. Diventiamo noi, quelle che devono trasmettere loro, la voglia di tonare a tifarci anche nelle successive partite, perché per noi, loro sono davvero importanti, sono il 12 uomo in campo. Quando torneremo a giocare, sono sicura che affronteremo gli allenamenti e le partite, con la giusta serenità e se riusciremo a tenere il gruppo unito, centreremo il nostro obiettivo, che è quello di provare a vincere qualsiasi competizione. Vogliamo portare a casa qualche trofeo, spero di vincere qualcosa con questa squadra”